Home Politica Decreto Dignità: cosa prevede il provvedimento voluto da Luigi Di Maio

Decreto Dignità: cosa prevede il provvedimento voluto da Luigi Di Maio

28
0

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il cosiddetto Decreto Dignità, un provvedimento volto – per bocca del ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio – a combattere il precariato.

In verità, la misura approvata dal CdM differisce dalla bozza iniziale, che prevedeva una stretta sui contratti a termine e l’abolizione dello staff leasing, tolti per mancanza di coperture.

Decreto Dignità 2018: ecco cosa prevede

Il provvedimento, di chiara impronta pentastellata, si compone essenzialmente di quattro punti. La novità introdotta in extremis è rappresentata dall’aumento del 50% dell’indennizzo sui licenziamenti senza giusta causa, attualmente fissato a 2 mesi di stipendio per anno di servizio, fino ad un massimo di 24 mesi. Grazie al Decreto Dignità, il nuovo indennizzo dovrebbe avere un importo compreso tra 6 e 36 mesi di retribuzione.

Un secondo punto riguarda le delocalizzazioni di imprese beneficiarie di aiuti dallo Stato su investimenti e occupazione. Il decreto prevede misure per recuperare i contributi statali con interessi maggiorati tra due e quattro volte rispetto all’importo erogato. Nella bozza finale vengono ridotti da 10 a 5 anni il periodo entro cui l’azienda che ha ricevuto i fondi non può lasciare l’Italia.

Altro punto riguarda la lotta alla ludopatia, uno dei cavalli di battaglia dei Cinquestelle. Le norme previste dal Decreto Dignità sono molto dure: divieto assoluto di qualsiasi forma di pubblicità (diretta o indiretta) su tutte le forme di gioco che prevedono vincite in denaro. Sono altresì previste pesanti sanzioni per chi viola le norme previste.

Infine, l’ultima misura prevista dal decreto esclude i professionisti dallo split payment, ovvero la scissione dei pagamenti per evitare le frodi nell’ambito delle partite Iva. Non ci sarà, dunque, l’abolizione totale di studi di settore, redditometro e spesometro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here