Home Politica Stop Foa ed è muro contro muro Lega – FI

Stop Foa ed è muro contro muro Lega – FI

32
0
Stop Foa ed è muro contro muro Lega – FI

Sulla nomina di Foa alla presidenza della Rai arriva il Niet di Berlusconi. In commissione di vigilanza Rai si è tenuta una votazione di buon mattino che ha decretato la bocciatura di Marcello Foa. È stato provocato dell’attenzione dei parlamentari azzurri che si sono allineati con Leu e Pd. Solamente nel pomeriggio si giungeva la consapevolezza del definitivo fallimento di ricompattare il centro-destra sulla nomina dell’ex firma del Giornale.

I fatti

 

Per ottenere il via libera occorrevano 27 voti ma in realtà ne sono giunti soltanto 22. Si è registrata la mancata partecipazione di Pd, Leu e Forza Italia. Alla Contea mancava anche un parlamentare della attuale maggioranza. Il segretario reggente del PD Martina ha dichiarato: “Il Parlamento ha detto no alla Rai targata Salvini-Casaleggio. Per Di Maio occorre cominciare a pensare ad una valida alternativa.

Botta e risposta

Il botta e risposta tra Berlusconi e Salvini, con le rispettive dichiarazioni dei due leader dei maggiori partiti di centro-destra, mette la parola fine al tentativo di riconciliazione. Il cavaliere avverte che FI non lo rivoterà mai. Il Ministro dell’Interno replica censurando la scelta di fare squadra con il Pd per fermare il cambiamento.

Lo stallo

Dopo che la maggioranza di ieri nel CDA Rai aveva dato l’ok alla nomina di Foa si pensava che la situazione potesse evolversi positivamente. Contrariamente alle attese è arrivato il parere vincolante della Vigilanza dove non era stata raggiunta, come prescrive la legge, la vigilanza di due terzi (27/40). Comunque il giornalista potrà provvisoriamente guidare il cda perché consigliere anziano.

Le dichiarazioni di Foa

“Prendo atto con rispetto della decisione della commissione di Vigilanza della Rai. Come noto, non ho chiesto alcun incarico nel consiglio che mi è stato proposto dall’azionista. Non posso, pertanto, che mettermi a sua disposizione invitandolo a indicarmi quali siano i passi più opportuni da intraprendere nell’interesse della Rai”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here