Home Cronaca Ragazzo suicida a Milano: l’ipotesi è che sia stato istigato da un...

Ragazzo suicida a Milano: l’ipotesi è che sia stato istigato da un gioco online

18
0
Ragazzo suicida a Milano: l'ipotesi è che sia stato istigato da un gioco online
Ragazzo suicida a Milano: l'ipotesi è che sia stato istigato da un gioco online

E’ emersa una terribile ipotesi di ‘istigazione al suicidio‘ nel caso del 14enne che si è tolto la vita a Milano lo scorso 6 settembre. La Procura ha disposto il sequestro preventivo e d’urgenza dei siti dove c’erano video, tutorial e messaggi che il ragazzino ha visitato prima di impiccarsi. In seguito agli accertamenti fatti sul suo cellulare e sul suo PC, sembra sia emerso un collegamento a siti web dove si gioca a ‘blackout’, un gioco che spinge i ragazzi a privarsi dell’ossigeno. Lo scopo è privarsi dell’aria per periodi lunghi, fino a svenire e riprendere conoscenza. Tutti sono in attesa dell’esito delle indagini.

Sballarsi senza droga”

Il video guardato dal 14enne poco prima di morire (con quasi 1 milione di visualizzazioni totali) presentava l’autosoffocamento come una delle cinque “sfide pericolose”, un modo per “sballarsi senza droga“. Le ‘sfide’ sono presentate in modo negativo, ma comunque come un’alternativa alla droga. Il procuratore aggiunto di Milano Tiziana Siciliano e il pm Letizia Mocciaro scrivono che “si tratta di capire chi vi sia dietro questo macabro gioco e, soprattutto, se sia stato indotto psicologicamente o obbligato a compiere tale gesto estremo da parte di qualcuno. Di questa pratica assurda si era iniziato a parlare dallo scorso mese di febbraio, quando un altro 14enne venne trovato in fin di vita a Tivoli, provincia di Roma, strangolato dal cavo della sua Playstation, poi morto qualche giorno dopo all’ospedale Gemelli”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here