Pensioni, Di Maio ci riprova: taglio del 40% a quelle d’oro per Quota 100

266
0
Pensioni, Di Maio ci riprova: taglio del 40% a quelle d'oro
Pensioni, Di Maio ci riprova: taglio del 40% a quelle d'oro

Ancora le pensioni d’oro nel mirino di Luigi Di Maio: dato che dall’Inps non sono arrivate le notizie sperate sui costi della riforma, durante il vertice di maggioranza di ieri si torna a puntare al taglio delle pensioni d’oro. La Lega non tanto approva l’idea, infatti era giunta ad un compromesso: un sistema a scaglioni, che penalizzava le rendite da 90.000 euro, con tagli proporzionali dal 10% al 20%. Ma ieri Di Maio ha annunciato che il taglio delle pensioni d’oro entrerà in legge di bilancio al Senato la settimana prossima, passando dal 25% al 40%. La Lega si è astenuta dal commentare cifre e stime.

Nuovo taglio alle pensioni d’oro

Sebbene ancora non sia chiaro in che modo Di Maio intenda tagliare nuovamente le pensioni d’oro, pare che potrebbe esserci un prelievo sulla parte eccedente il tetto scelto dal governo. Domenico Proietti, segretario confederale della Uil, ha commentato “Ci auguriamo sia un’altra fake news“. “Rappresenterebbe un vero e proprio furto ai danni di intere categorie professionali ed equivarrebbe ad un invito ad espatriare” ha sottolineato Giorgio Ambrogioni, presidente di Cida, sulla stessa scia. Resta il fatto che alla fine anche la Lega di Matteo Salvini potrebbe decidere per il taglio, pur di portare a casa quota 100. Il M5S vuole alzare la pensione minima, tagliando quella da lavoro. “Sarà alzata a 780 euro anche l’invalidità e quota 100 partirà a marzo come il reddito di cittadinanza” ha annunciato il ministro del Lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here