Pensioni Quota 100, potrebbe saltare l’ipotesi a 62 anni?

1004
0
Pensioni Quota 100, potrebbe saltare l'ipotesi a 62 anni?
Pensioni Quota 100, potrebbe saltare l'ipotesi a 62 anni?

Le pensioni con Quota 100 a 62 anni + 38 di contributi è in bilico e potrebbe saltare. L’idea portata avanti dalla Lega e dal suo leader Matteo Salvini, potrebbe non trovare posto nella prossima riforma pensioni. Al momento, l’ipotesi più accreditata è un quota 100 a partire da 64 anni di età + 36 di contributi. Permetterebbe l’uscita anticipata dal lavoro a 450mila persone, tra pubblico e privato. Il problema fondamentale resta sempre lo stesso: manca la copertura economica. Un problema oggettivo con cui M5S e Lega si scontrano sin dall’inizio.

Pensioni, Quota 100 a 62 anni salta?

Non siamo ancora sicuri che l’idea ben voluta dal popolo italiano, di accedere alle pensioni con Quota 100 a 62 anni, sia da abbandonare del tutto. Una possibilità aperta è che si possa partire con una penalizzazione dell’1,5% sull’assegno pensionistico, per ogni anno di anticipo con cui si decide d di uscire dal lavoro, per un massimo del 7,5%. Intanto, tutti restano col fiato sospeso in attesa che si prenda una decisione. Il governo Lega-M5S riuscirà a trovare la quadra, e includere la formula nella riforma delle pensioni? La Uil ha già fatto sapere di essere contraria. “Occorre continuare a cambiare la Legge Fornero, reintroducendo una reale flessibilità di accesso alla pensione tra i 62 e a 63 anni, senza alcuna penalizzazione”, spiega in una nota. Ma il Governo, al momento, non pare interessato ad un confronto con i sindacati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here